Stefano Ficagna

Stefano Ficagna è nato nel 1979 nel novarese; appassionato di musica, cinema e di tutto ciò che è astratto in generale, scrive di musica da una quindicina d’anni, mentre di letteratura si è sempre occupato in qualità di lettore. Leggendo però, gli venivano in mente idee che non trovava da altre parti, e non avendo chi le scrivesse per sé, si è dovuto cimentare lui stesso, onde evitare di lasciar vagare come anime perse i personaggi della sua fantasia. Secondo Borges, ogni scrittore crea i suoi precursori, Ficagna, molto più umilmente, sente un debito d’ispirazione nei confronti dell’autore argentino, della fantascienza umana di Philip Dick e della prosa essenziale di Carver, ma forse più che debiti sono propositi, crede.

“Terry Gilliam disse una volta che sua moglie lo rimproverava di fare sempre lo stesso film, io probabilmente finisco per trattare sempre gli stessi temi: uno di questi è l’incomunicabilità. Perlomeno ha tentato, contravvenendo alle convinzioni di Cratilo che voleva non si parlasse proprio: alla peggio immaginatemi farvi ciao timidamente con la mano, starò lì in un angolo, pronto a raccontarvi qualche strana storia, se vorrete”.